Su “La Sentinella”: Ivrea. L’azienda dei router pianta 1000 alberi

Articolo di Rita Cola – Leggi sul sito de “La Sentinella del Canavese

iesse pianta alberi. Un modo come un altro per ristabilire gli equilibri ambientali. E l’azienda Tiesse, che da sempre si occupa di innovazione e tecnologia, lo fa così, dando vita a un bosco, piantando mille latifoglie provenienti da vivai certificati a Calitri, in Irpinia. Lo slogan del progetto è suggestivo: gli alberi sono la prima tecnologia della natura. E alla natura qualcosa bisogna restituire per calibrare il peso di ciascuno di noi sul pianeta terra. A Calitri, il bosco è composto da 250 robinie, 235 lecci, 150 tamerici, 100 frassini, 98 ontani, 82 carpini, 50 tigli e 35 aceri. Il bosco di Calitri non destinato ad essere un caso isolato.

«Siamo pronti a dare vita a un bosco anche in Canavese – dice Ombretta Miraglio, responsabile marketing dell’azienda eporediese, – e ad ascoltare proposte su questo tema dal territorio».Piantare nuovi alberi non è l’unico fronte di azione di Tiesse, semmai è l’ultima in ordine esclusivamente temporale. «Da anni – spiega Luciano Lucrezia, direttore tecnico di Tiesse – utilizziamo solo scatole di cartone con materiale riciclato e puntiamo a imballaggi senza plastica». Detto così, pare semplice, ma non lo è. Tiesse da tempo ha puntato sull’utilizzare materiali particolari per realizzare i circuiti stampati come ad esempio le saldature senza piombo. Altro discorso riguarda i componenti utilizzati, ma su questo punto occorre fare un passo indietro.

Tiesse progetta router e apparecchi di rete e connettività legato all’internet delle cose, un settore in continuo sviluppo. Ha creduto nel made in Italy di questi prodotti anche negli anni dove la parola d’ordine era esternalizzazione. Del resto, in Tiesse si respira l’aria di Olivetti, dove hanno lavorato fondatori e dirigenti dell’azienda che punta sull’innovazione. Resistendo e credendo nel proprio obiettivo, si è ritagliata uno spazio importante, collaborando con grandi nomi e fornendo importanti multinazionali. Lo stimolo a migliorare sempre di più sul fronte delle politiche ambientali, è comune. Oggi Tiesse conta quattro sedi. Oltre a Ivrea, dove ci sono testa e cuore dell’azienda, abbiamo Torino, Roma e Avezzano.

Lucrezia specifica con orgoglio la filiera di Tiesse per la fornitura dei componenti. C’è un mercato di materiali definiti insanguinati, che arrivano da aree del mondo o sono lavorati in condizioni di sfruttamento. E Lucrezia specifica: «La nostra è una filiera etica. Selezioniamo i componenti e ne garantiamo la tracciabilità».

Le apparecchiature elettroniche, comunque, hanno un impatto ambientale, ma è impensabile farne a meno. Di qui, il calcolo per la nascita del bosco: un albero ogni cinquanta dispositivi e quindi mille alberi per 5mila dispositivi elettronici.

Nell’autunno 2020 è partito quindi questo nuovo progetto 1000 trees in Italy perché, appunto, gli alberi sono la prima tecnologia che la natura ha messo a disposizione per contrastare e rallentare i cambiamenti climatici. Il progetto si divide in tre aree nelle quali sono piantumate varie specie di latifoglie. Tiesse si è avvalsa di agronomi e botanici che assicurano la corretta piantumazione, la manutenzione e la conservazione nel tempo.

Torna su
GDPR Cookie Consent with Real Cookie Banner